A.C. JAPANIMATION


Vai ai contenuti

Menu principale:


BENVENUTI!

I nostri gruppi su Facebook
A.C. JAPANIMATION
(Associazione)
FOTOCOSPLAY di Roma
(Fotografi e cosplayers)
PROGETTO WONDERGATE
(Editori e artisti)
OSTIA LUDO
(Appassionati giochi)
OSTIA COMICS & FRIENDS
(Disegnatori, fumettisti ed illustratori)
BLACK PARK
(Raduno Horror)
LEGENDARY PARK
(Raduno Fantasy)
FUTURE PARK
(Raduno Fantascienza e Steampunk)

Le nostre pagine su Facebook
Associazione Culturale Japanimation
(Associazione)
Japanimando diventerà Fantasticando
(Webzine)
Progetto Wondergate
(Mondo del Fantastico)
Editoria del Fantastico
(Operatori del settore)
Cartoon Hits
(Appassionati Cartoons)

Ecco per voi una guida free download in formato pdf
con cui riscoprire le origini del cinema fantastico occidentale
dal 1902 al 1999. Ovviamente è un servizio no profit per tutti gli appassionati.
Cliccate sulla copertina e buona lettura a tutti!!

Seguiteci su Japanimation Channel

Quando regnava ancora la semplicità, la capacità di stupirsi, la gioia di chi ha meno di dieci anni e tutto un mondo da scoprire… quando guardare la TV non era una semplice evasione dalla realtà, ma un momento importante dove apprendere i valori più importanti della vita attraverso il linguaggio della fantasia… quando guardare i semplici (si fa per dire) cartoni animati significava per molti inoltrarsi in un mondo adulto e bambino contemporaneamente e non solo di magìa e stupore fini a sé stessi… io ero lì… grazie a Dio!
Goldrake, Heidi, Ryu, Kimba, Remì, Jeeg Robot, Candy Candy, Daitarn 3, fino ad arrivare a centinaia di storie indimenticabili di altrettanti personaggi che tuttora persistono nel cuore di milioni di adulti: quanti dischi, robot, giochi, fumetti, magliette e quant’altro ho fatto comprare ai miei genitori… e com’era bello mostrarli agli altri, ma soprattutto sapere di possederli. Era come avere accanto il tuo eroe preferito in carne ed ossa, o quasi. E poi… si cresce. Gli anni passano, i problemi aumentano (a chi più, a chi meno), gli amici cambiano e con loro cambia il nostro spirito puro; la vita non ci dà tregua ed oggi molta della magìa che si aveva dentro si è dissolta nel quotidiano agire. Molti la chiamano maturità, o crescita, o divenire adulti attraverso le difficoltà… io la chiamo follìa!
Bisogna semplicemente avere equilibrio; bisogna che il bambino che è in noi (custode di creatività, di passione, di sensibilità e quant’altro di positivo) non muoia mai schiacciato dalla quotidianità, ma attraverso di essa si esalti e, di conseguenza,
ci esalti. Eppure eminenti psicologi, saggi di svariate etnìe e periodi storici e… i nostri eroi preferiti ce lo ricordano da sempre! Mah!
Vi sembra impossibile? Guardate (tanto per fare un esempio) qualche serie televisiva giapponese come
Jeeg Robot, Remì, L’Uomo Tigre, Sampei, Ken il guerriero, Tommy la stella dei Giants; ripuliteli poi di tutti gli elementi prettamente fantastici ed andate oltre quello che vedete… avrete molto da imparare! Per molti come me la passione per le tematiche del fantastico non è solo un’evasione dalla realtà attraverso il passato o un semplice commercio (per chi lo pratica); conoscere altri appassionati, riscoprire vecchi e nuovi eroi, possedere rarità, significa principalmente mantenere vivo il bambino che è in noi, quindi noi stessi e la nostra vitalità… alla faccia di tutto lo schifo e la falsità che ci circonda. Significa inoltre ricordarci di non perdere mai di vista quello che siamo in realtà, mantenere il più possibile intatta una propria integrità morale e spirituale, avere la forza di rialzarci nei momenti difficili anche (…e soprattutto…) senza l’aiuto di nessuno, saper prendere la vita in tutte le sue sfaccettature senza chiedersi perché.
Per chi non lo sapesse, tutte queste opere sono sempre state catalogate come
“rigorosamente per bambini”: niente di più falso. I giapponesi hanno sempre alternato le situazioni dei loro cartoons passando attraverso vari generi: fantascienza, horror, romanzi storici, soap opera, avventura, commedia comica e demenziale, sport, favole e leggende, sia per grandi che per i più piccoli (per non parlare del genere sexy o splatter). Eppure, nonostante siano passati decenni e siano state spese miriadi di parole, sviluppate molteplici testate, organizzati dibattiti e manifestazioni, creato scuole e tanto altro ancora, qui in Italia abbiamo ancora una cultura altamente retrograda e piena di pregiudizi nei confronti di queste tematiche.
Inoltre, per anni queste serie TV hanno subìto
censure, alterazione dei dialoghi e quant’altro di osceno affinché non venisse tutelata l’opera in sé, ma solo l’impatto emotivo con i minori, badando ad accrescere il merchandising e nulla più (vendite di diari scolastici, cartelle, gadgets, giocattoli, carte, videogiochi, etc…).
Per cercare di sensibilizzare il più possibile i “non addetti ai lavori”, affinché possano ricevere un’educazione cinematografica a tutela della propria cultura e della propria sensibilità nel lasciare un minore davanti al cartone animato adatto alla propria fascia di età, dal 1999 ho realizzato un sogno in lenta e costante crescita: l’
Associazione Culturale Japanimation di Ostia Lido.

japanimation@libero.it

VIDEO MUSEO DEL
FANTASTICO NIPPONICO ANNI '50/'80

VIDEO MUSEO DEL
CINEMA FANTASTICO GIAPPONESE
(1954-1989)
( Clicca qui e vai agli approfondimenti)

VIDEO MUSEO DEI
TELEFILM TOKUSATSU GIAPPONESI
(1966-1989)
( Clicca qui e vai agli approfondimenti)

VIDEO MUSEO DEL
CINEMA D'ANIMAZIONE GIAPPONESE
(1958-1988)
( Clicca qui e vai agli approfondimenti)

VIDEO MUSEO DEGLI
ANIME TV GIAPPONESI
(1965-1989)
( Clicca qui e vai agli approfondimenti)

Tutta la grafica e i testi contenuti all'interno del sito sono di proprietà di Japanimation; tutto il resto del materiale è Copyright © dei legittimi proprietari. In base al rispetto di tale principio la parziale o totale pubblicazione del materiale non vuole violare nessun Copyright, poiché è esclusivamente a titolo informativo e ludico.



Torna ai contenuti | Torna al menu